Conversione a carburatore di un Softail Springer 2006

Una guida dell’utente Enzosoftail del forum sulla conversione a carburatore della sua Harley-Davidson Softail Springer del 2006.
Il carburatore usato è un Mikuni HSR42 e non ha usato nessuna centralina per il controllo dell’accensione delle candele. Il lavoro di accensione viene fatto dalla stessa centralina di iniezione poiché nella conversione viene tenuto il sensore MAP che serve proprio allo scopo di mantenere l’anticipo variabile in base alla depressione del condotto di aspirazione.

————————————————

Cercherò di essere il più chiaro possibile.
La mia moto è una Softail Standard iniezione del 2006, motore twin cam 1450.

L’occorrente per la modifica che ho preso io è il seguente:

  • Total Kit Mikuni HSR 42
  • Cavo aria Mikuni
  • Staffa per ancoraggio cavo aria
  • Adattatore rubinetto Pingel
  • Rubinetto Pingel

Per prima cosa ho disinstallato la Power Commander, operazione che richiede ben poco tempo, poi ho tolto il fusibile che comanda la pompa dell’iniezione:

Bisogna poi accendere la moto, che partirà per qualche secondo per poi spegnersi da sola, in questo modo si va a toglire pressione nel circuito di alimentazione, stacchiamo poi il polo positivo della batteria, infiliamo nel rubinetto della benzina un nuovo tubo che ci permetta di arrivare fino ad un contenitore:

Si prende un cavo elettrico e si fa un ponte tra il polo positivo della batteria e la sede del fusibile della pompa iniezione, in questo modo la pompa svuoterà il serbatoio direttamente nel contenitore:

Fatto questo si procede con lo smontaggio della consolle centrale del serbatoio:

Come si vede dalla foto bisogna scollegare tutti gli spinotti e togliere l’interruttore dell’azzeratore del contakilometri, si sviteranno poi le piccole torx che tengono il piatto della pompa dell’iniezione e lo si solleva:

Nella foto ho indicato con la freccia rossa il tubo di rinvio del carburante che parte dalla pompa dell’iniezione, bisogna staccarlo per poter liberare il rubinetto sottostante, il raccordo del rubinetto è ad innesto rapido, quindi si tira verso l’alto la parte cromata del rubinetto e si sfila tirando verso il basso il raccordo in plastica, fatto questo si svita il rubinetto e si tira via anche il tubo interno:

Si pulisce la sede del rubinetto e si rimonta l’adattatore per il rubinetto pingel:

Fatto questo si avvita il rubinetto vero e proprio:

Ci spostiamo poi dall’altro lato della moto, provvedendo a smontare il filtro aria per poter arrivare al gruppo iniezione, si staccano tutti i cavi che arrivano sul gruppo iniezione e si scollega il filo del gas, prima bisogna allentare il registro subito sotto la manopola destra, liberato il tutto dai cavi inizia il concerto di parolacce per poter svitare le 4 brugole che tengono in sede il collettore di aspirazione, auguri:

Mi sono fatto prestare una brugola con testa arrotondata, ma ho dovuto comunque segare una mia brugola per poter svitare il tutto, ancora non ho capito perché non hanno messo dei bulloni….mah, e questo è il gruppo iniezione finalmente smontato:

Una volta smontato si mettono le flange laterali sul collettore di aspirazione Mikuni, se le guarnizioni sono consumate si sostituiscono, ma prima di rimontare il nuovo collettore bisogna costruire con una lamiera un supporto che tenga in sede il MAP sensor:

Bisogna cercare di nascondere al meglio i cavi elettrici dell’iniezione sotto al serbatoio, io li ho nastrati ed ho smontato il serbatoio per facilitarmi la cosa fissandoli con delle fascette, fatto questo si procede con il montaggio del nuovo collettore e della sua guarnizione dove si andrà ad infilare il carburatore, finalmente possiamo prendere il Mikuni e provvedere a tappare lo sfiato predisposto per il VOES come da foto, è il cappuccio nero che si vede dietro il carburatore:

Poi si monta il cavo dell’aria e lo si registra a dovere, lasciando un po’ di gioco, si può fare grazie ai registri presenti sul cavo:

Fatto questo si può procedere ad installare il carburatore sul collettore, si infila il cavo del gas e lo si registra, lasciando un minimo di escursione prima dell’apertura della ghigliottina, poi si procede a tagliare di misura e fissare tramite fascetta il tubo della benzina, controllate che non vada a toccare le teste o i cilindri:

Si procede poi ad installare la minuteria che servirà per tenere in sede il filtro dell’aria con gli sfiati delle teste ecc…dalla parte del clacson si installa la staffa che terrà in sede il cavo dell’aria e avviteremo il tutto:

Ricollegheremo la batteria, controlleremo di aver rimontato tutto, stretto fascette e bulloni a dovere e dopo aver messo benzina si proverà ad accendere la moto, se tutto è andato a buon fine dopo qualche sussulto la moto partirà senza problemi, io per il momento ho lasciato i getti che erano già installati nel carburatore, quando tornerò dalle ferie proverò a mettere il getto del massimo da 165 come indicato nel tuning manual della Mikuni quando si usano scarichi aperti e non originali, per il momento la moto va abbastanza bene, ho ancora troppi scoppietti in rilascio, devo carburarla a dovere.

Spero di essere stato chiaro….ovviamente sono ben accette modifiche alla guida e migliorie, soprattutto per la messa a punto della carburazione, io non sono molto pratico in questo genere di operazioni, chi ne sa più di me potrebbe aggiungere consigli e suggerimenti.

Buon lavoro a voi adesso.

Ciao, Enzo.